A chi piace il presepe, a chi piace l’albero. E chi invece fa entrambi.

Quel che è certo e che, spesso trascurato nei media, il presepe ha un’importanza maggiore rispetto all’ormai onnipresente albero di Natale. Ma ben pochi ormai conoscono il complesso significato di questi amati simboli natalizi.
Ecco allora una breve divagazione storico-religiosa sui due oggetti che i più hanno posizionato in questi giorni nel proprio salotto di casa.

Il simbolismo dell’albero

Gli alberi di Natale splendidamente decorati di oggi rappresentano i primi alberi usati dai cristiani per celebrare la nascita di Cristo, secoli fa.
Ma l’origine di questa usanza non è cristiana: nasce piuttosto da una forma di sincretismo, una convergenza di elementi ideologici apparentemente inconciliabili, attuata in vista di esigenze pratiche di carattere, in questo caso, religioso, appartenenti a due culture o dottrine diverse: l’una politeista e l’altra cristiana.

Quando l’albero di Natale divenne popolare, la Chiesa ebbe qualche preoccupazione per le sue origini pagane, ma il significato simbolico dato all’albero prima dai pagani e poi dai cristiani aveva radici profonde e rimase nelle case dei popoli del nord.
Il simbolismo dell’albero è molto ricco anche nella tradizione cristiana: nell’Antico Testamento si intima ad Adamo ed Eva di non mangiare i frutti di uno degli alberi dell’Eden. Cristo viene crocifisso su una croce, che non è altro che un tronco d’albero. I rami verdi e le luci che decorano l’albero di Natale evocano Cristo come la Luce Eterna che arriva in un mondo avvolto dalle tenebre.

Nonostante le forti sfumature commerciali apparse nel Novecento, affievolendone il significato religioso, l’albero di Natale rimane un valido simbolo della venuta di Cristo nel mondo.

La storia del presepe

Anche con tutta la storia alle spalle, l’albero di Natale non è il solo simbolo della nascita di Gesù.
Qui entra in gioco un altro santo, san Francesco d’Assisi, che mentre si trova dalle parti di Greccio, un borgo nell’Alto Lazio ai confini con l’Umbria, nel 1223, inventa il primo presepe nella storia per risolvere il problema dell’eccessivo affollamento della chiesetta locale, durante la Messa di mezzanotte, deviando il flusso dei fedeli su una rappresentazione religiosa altrettanto efficace. In pratica, uno schermo gigante come quelli che si usano adesso per gli eventi pubblici che attirano fin troppo pubblico.

Trovata una piccola nicchia in una roccia, San Francesco costruisce dapprima un semplice altare. In seguito il papa gli concede il permesso di creare un presepe vivente, con gli abitanti del villaggio che rappresentano il Bambino Gesù nella mangiatoia, la Madonna, San Giuseppe, i tre re magi, i pastori e gli angeli.
Anche gli animali sono reali: il bue, l’asino e le pecore.

Quando si costruisce il presepe ci sono molti significati nascosti e, soprattutto, delle tempistiche da rispettare. Non si tratta di modellismo statico: c’è un flusso temporale da seguire. Ecco alcune cose da tenere presente per un presepe corretto al 100%.

In primo luogo, occorre organizzare la scena generale, posizionando gli animali, i pastori, la mangiatoia, ma non aggiungere subito i personaggi principali di Gesù, Maria e Giuseppe, gli angeli, la stella e i tre re.
Alcune famiglie aspettano fino al pomeriggio del 24 dicembre per collocare la culla e le statuette della Beata Vergine Maria e di San Giuseppe, ma attendono fino all’ultimo dall’aggiungere Gesù Bambino.
La mangiatoia rimane vuota fino a mezzanotte, quando, a indicare la nascita del Figlio di Dio, l’immagine del Bambino è finalmente collocata al suo interno.

Insieme al piccolo Gesù, vanno messi anche gli angeli, che evocano il canto Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà” menzionato nelle Sacre Scritture.
Insieme agli angeli, adesso si può aggiungere la stella che guida i tre re magi dall’Est a Betlemme, giunti lì per adorare il Salvatore. I magi, comunemente chiamati Gaspare, Melchiorre e Baldassare, rappresentano i popoli della terra e spesso portano con sé alcune cose assai esotiche: oltre ad oro, incenso e mirra, anche cammelli e persino elefanti, che potrete collocare nei dintorni della capanna.
Alcuni iniziano a posizionare i tre re vicino alla culla/mangiatoia solo dal 25 in poi: inizialmente andrebbero collocati lontano dalla mangiatoia e avvicinarli un po’ di più ogni giorno, fino a quando arrivano in corrispondenza della festa dell’Epifania, il 6 gennaio.

Un vero catechismo domestico

Il presepe per i cristiani non è un semplice plastico della Palestina Anno Zero: per i cristiani è una forma di espressione visiva della fede e della preghiera, dell’attesa e della celebrazione dell’arrivo del Salvatore. Questa tradizione comporta un processo, una crescita e un momento emozionante per la famiglia. È un vero catechismo domestico, specialmente per i bambini che non hanno ancora assorbito tali insegnamenti.

Piuttosto che diventare un elemento a uso e consumo del marketing natalizio, il presepe per alcuni anni è stato gradualmente dimenticato. Ma sarebbe un peccato se anche le famiglie cattoliche dimenticassero il presepe oppure, e vale anche per chi non crede, ignorassero il simbolismo religioso che c’è in esso: l’inizio della vita di Cristo sulla Terra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.