Sarà ancora giallo il colore del Piemonte per la prossima settimana. La Regione ha infatti ricevuto la validazione dei dati del Report del Ministero della Salute.

La pressione ospedaliera continua a scendere, con l’occupazione delle terapie intensive al 22% e quella dei posti ordinari al 33%. Anche l’Rt, seppur cresciuto leggermente rispetto alla scorsa settimana, resta sotto la soglia di allerta (quello puntuale si attesta a 0.96 e quello medio a 0.98).
Zona rossa a Re (VCO)
Il presidente Cirio ha firmato l’ordinanza che dispone che dalle ore 18 di sabato 20 febbraio e fino a venerdì 26 febbraio il Comune di Re, nel Verbano-Cusio-Ossola, sarà zona rossa e che verrà anche sospesa l’attività didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado della Val Vigezzo, con ordinanze emesse dai sindaci.

La decisione è stata assunta dopo un incontro del presidente con i rappresentanti degli enti locali e i prefetti, presenti anche il vicepresidente della Regione Fabio Carosso e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

Nei territori di Craveggia, Druogno, Malesco, Re, Santa Maria Maggiore, Toceno,
Villette si svolgono esclusivamente con modalità a distanza anche le attività scolastiche e
didattiche delle classi delle scuole primarie e del primo anno di frequenza delle scuole
secondarie di primo grado, statali e paritarie, sono sospesi i servizi educativi pubblici e privati per l’infanzia nonchè le scuole dell’infanzia, statali e paritarie. Rresta salva la possibilità di svolgere attività in presenza in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Le aziende sanitarie locali competenti devono disporre il monitoraggio quotidiano mediante contact tracing per i Comuni della Val Vigezzo e della provincia di Biella.